Le vacanze al mare - ASSOCIAZIONE PENSIONATI CONI

Vai ai contenuti
ATTIVITA' 2018 > GITE E VIAGGI
VIESTE sul Gargano: è qui che si sono svolte, dal 24 giugno all'8 luglio, le Vacanze al Mare dell'APEC
IL PARADISO NELL'ADRIATICO

Concluse le vacanze estive a Vieste. Su richiesta dei Soci, quest’anno le vacanze estive sono durate due settimane, esattamente dal 24 giugno all’8 luglio ed hanno visto una notevolissima presenza di partecipanti tra i Soci Effettivi ed i Soci Sostenitori. Come successo anche lo scorso anno, i Soci si sono dati appuntamento alla prossima vacanza estiva dispiaciuti di dover abbandonare il bellissimo Hotel I Melograni di Vieste troppo presto. Bellissimo mare, ma soprattutto grande e spazioso arenile che ha permesso a tutti riposo e tranquillità. Nel corso della vacanza, sono state organizzate alcune gite come quella di S.Giovanni Rotondo, alle Isole Tremiti ed alle grotte in direzione sud verso Pugnochiuso. Immancabili le partite di burraco serali, a bordo piscina. Per i non amanti delle carte era pronto il megaschermo dell’hotel per vedere tutte le partite del mondiale. I Soci, instancabili,  si sono già dati appuntamento alla prossima gita di Napoli, prevista per metà ottobre.

dopo 14 giorni da favola...DULCIS IN FUNDO
RICORDI FOTOGRAFICI

Note e foto su Vieste
Cliccando col mouse sull'angolo basso a destra comparirà per ogni foto, accanto al numero progressivo della foto, un piccolo rettangolo. Cliccando su questo rettangolo la foto comparirà a schermo pieno.
Vieste è la città situata più ad est dell’intero Promontorio del Gargano,  in posizione isolata rispetto agli altri centri garganici, motivo che  le ha attribuito in passato la denominazione “La Sperduta”. Nonostante  questo isolamento da vie di facile accesso, negli ultimi decenni la  cittadina si è notevolmente sviluppata, valorizzando il proprio volto  turistico fino a diventare meta privilegiata per i turisti in vacanza sul Gargano. Con i suoi alberghi di prima qualità, le sue immense spiagge sabbiose, i numerosi campeggi ed hotel,  Vieste rappresenta la “perla del Gargano” immersa nelle limpide acque  azzurrine verso cui si protende e che le hanno valso più volte  l’assegnazione della Bandiera Blu dalla Foundation for Environmental Education. Meta  di migliaia di turisti provenienti da tutto il mondo, offre ai suoi  visitatori scenari di incomparabile bellezza naturalistica e storica:  dalle coste che cadono a strapiombo nel mare alla parte ottocentesca  costituita dal suo famoso centro storico.
Vieste è una delle città più antiche della Daunia,  anche se incerte sono le sue origini. Secondo la leggenda sarebbe stata  fondata addirittura da Noè, che qui sarebbe sbarcato e vi avrebbe  seppellito la moglie Vesta (da cui il nome della cittadina). Altri la  identificano con l’antica “Apenestre” a seguito dei numerosi reperti archeologici scoperti di recente. Il centro abitato è situato su una piccola penisola rocciosa, delimitata da sue punte che separano le sue tre baie: Punta di San Francesco, rivolta ad est, più ripida e rocciosa, dove si trova il centro medievale con i suoi edifici storici; Punta di Santa Croce, rivolta a nord e più bassa, dove si estende il nuovo centro abitato. È in quest’ultima parte che si trova il porto di Vieste,  che è stato per secoli un importante punto di riferimento commerciale,  per i traffici con i paesi che si affacciano sull’altra parte  dell’Adriatico e che attualmente permette il collegamento con le Isole Tremiti, la Croazia e Manfredonia. Di notevole interesse è il borgo medievale della città,  che si snoda nelle sue stradine strette e tortuose, fra le case  bianche, dai piccoli usci e dalle ripide e anguste scalinate, che di  tanto in tanto sono unite da esili archi.
Caratteristico simbolo della città di Vieste è il celebre monolito Pizzomunno,  che si eleva per un’altezza di 25 m a ridosso della spiaggia “del  Castello”, a sud della Punta di San Francesco. La leggenda vuole che sia  una pescatore, così tramutato dagli dei marini gelosi del suo amore  ricambiato con Cristalda, una bellissima fanciulla, figlia di un dio del  mare, che venne a sua volta incatenata nelle profondità marine. Per  intercessione di altri dei, impietositi di fronte all’amore eterno  giurato tra i due ragazzi, ogni cento anni, nel plenilunio di agosto, la  donna viene liberata dalle catene per incontrare il suo amante,  ridiventato uomo. Sebbene le coste del Gargano  si immergano bruscamente nel mare, non mancano spiagge di notevoli  vastità e di grande bellezza. Nel territorio di Vieste si susseguono in  un raggio di circa 20 km gole, grotte e baie con una concentrazione più alta in tutto il Gargano. La sabbia delle spiagge viestane,  dal tenue color rosa argentato, sempre scintillante, è di qualità  finissima, la migliore degli anelli adriatici, soffice più del velluto,  impalpabile come cipria e il piede dell’uomo vi affonda con facilità nel  camminare. Insomma un vero paradiso sull’Adriatico!
APEC - Associazione Pensionati CONI
Foro Italico - Largo Lauro De Bosis, 15, 00135 Roma
Email: pensionaticoni@alice.it, tel. 06.3272.3228-3229
Torna ai contenuti