COSA E' - ASSOCIAZIONE PENSIONATI CONI

Vai ai contenuti
COMUNICAZIONE > APEC RACCONTA
COSA E’ APEC RACCONTA

Cosa è o meglio in cosa consiste "APEC RACCONTA"? E' innanzitutto una "iniziativa di relazione" tra colleghi, meno passiva di un'Assemblea, ove ci si trova a parlare di un tema in comune, che ognuno di noi, logicamente con diverse sfumature, e con diversi sviluppi ha vissuto sulla propria pelle e sulle proprie emozioni. APEC RACCONTA è  una iniziativa tesa a tirar fuori "testimonianze" sul mondo CONI per quanto concerne  quel segmento, ignorato e sconosciuto ai più, ai media e all'opinione pubblica, che riguarda i tanti professionali come noi che attorno a quel mondo hanno operato, e che anche grazie al loro supporto hanno reso possibile la  sua evoluzione, la sua crescita, i suoi successi.
Dette testimonianze non devono servire solo a far riconoscere "quanto eravamo bravi" (...può piacere sentirselo dire, ma concretamente serve a poco) quanto a tener viva la consapevolezza che "per crescere" c'è bisogno che ci siano presupposti di base che consentano e favoriscano detto "percorso di crescita".  Noi, come professionali, costituivamo "parte di quei presupposti". Oggi più che mai, in questo mondo dello Sport e del CONI, che da struttura semplice è diventato struttura molto complessa. Basta pensare all'influenza determinante della Finanza, intesa nel senso più ampio del termine, con tutti i suoi gangli ed interconnessioni che ne derivano; basta pensare al penetrante ruolo dell'informazione e dei media; basta pensare infine, e non è cosa da poco, alla globalizzazione
Quindi in questo "nuovo" mondo dello Sport  è opportuno e doveroso "recuperare la Storia dello Sport" per contribuire a garantire il mantenimento in vita delle sue "cellule primarie" (come passione, impegno, lealtà, ambizione, disponibilità verso l'altro, rispetto). Eppure questa è una storia che troppo spesso tende ad essere trascurata, alterata, oppure mitizzata al limite del falso e del melenso, ma è anche e soprattutto addirittura ignorata.
E è quindi una situazione ancor più preoccupante e grave considerato che “la maggior parte dei giovani è cresciuta in una sorta di presente permanente, nel quale manca ogni rapporto organico con il passato storico del tempo in cui essi vivono”. La citazione è dello storico britannico Eric Hobsbawn nella sua opera più famosa "Il secolo breve". Questa totale assenza d’interesse nei confronti del passato è un grave fattore che dovrebbe far riflettere:
com’è possibile pensare di costruire un futuro o semplicemente di comprendere il presente se mancano completamente le basi radicate nel passato? Questo ragionamento vale per tutti i ricordi, sia quelli più stimolanti ed importanti (quelli riferiti ad esempio alla storia del proprio Paese o dei grandi movimenti sociali) ma anche quelli più modesti, ma che sono parte della struttura più complessa che si chiama "umanità". Quindi ci riferiamo ai nostri ricordi di donne ed uomini di sport. E non è cosa da poco! A questo punto auspichiamo chela parola passi a tutti voi colleghi: inviateci i vostri ricordi, non tanto queli specificatamente personali (che riguardano quindi solo i singoli individui senza interconnessione con l'ambiente esterno), ma tutti quegli episodi e situazioni che, pur coinvolgendoci direttamente, hanno una interconnessione diretta con un determinato evento, manifestazione, episodio che riguarda la "storia dello sport". Attendiamo speranzosi.
APEC - Associazione Pensionati CONI
Foro Italico - Largo Lauro De Bosis, 15, 00135 Roma
Email: pensionaticoni@alice.it, tel. 06.3272.3228-3229
Torna ai contenuti